Salvini, Meloni e il karaoke: se a morire è la vergogna

Stefano Cappellini La Repubblica 12 marzo 2023
Salvini, Meloni e il karaoke: se a morire è la vergogna

La premier e il suo vice cantano abbracciati la canzone su una ragazza morta annegata il giorno dopo la missione a Cutro in cui nessuno aveva trovato il tempo per visitare i parenti dei profughi morti


 

Un Paese sulle cui coste naufraga un barcone di migranti, decine di morti e di dispersi, tanti bambini. Un tragedia evitabile, visto che le ricerche e i soccorsi sono partiti con inspiegabile ritardo nonostante le segnalazioni. Un governo che nega ogni responsabilità, anche a dispetto di buchi e incongruenze, giorno dopo giorno così impreprato, sguaiato e imbarazzante da rasentare l’autoparodia della destra più becera quando ha a che fare con l’immigrazione.

Se un gruppo di sceneggiatori si fosse seduto intorno a un tavolo per inventare delle scene al solo scopo di denigrare Meloni e soci, avrebbe fatto fatica a tenere dietro a quello che è accaduto nella realtà. Il giorno dopo la strage il ministro dell’Interno va sul posto e dice che la colpa di chi è morto, che se fuggi dal tuo Paese su una barca te la sei andata a cercare.
Le bare dei migranti morti, anche quelle bianche dei bambini, restano allineate in un palazzetto senza che nessun esponente del governo, Meloni inclusa, senta il dovere di presentarsi al loro cospetto. Tocca al presidente della Repubblica Sergio Mattarella fare il supplente della dignità che manca al governo.

Quindi, per simulare uno straccio di empatia con la tragedia, il governo organizza un Consiglio dei ministri a Cutro, sul luogo della strage. Però in conferenza stampa la presidente del Consiglio perde la calma, il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, al suo fianco, passa gran parte del tempo sul cellulare a fare smorfie e nessuno fa visita ai parenti delle vittime anche se sono lì, a poche centinaia di metri da loro.

Infine, l’ultimo affronto. E qui bisognerebbe immaginarselo davvero, il gruppo di sceneggiatori al lavoro. Prende la parola lo sceneggiatore più giovane e inesperto: secondo me, dice, non può finire così, scriviamo un’ultima scena in cui il giorno dopo la finta contrizione vanno tutti a sorpresa alla festa di compleanno del ministro, quello che giocava col cellulare. Gli altri autori ascoltano perplessi. Prosegue il ragazzo: alla festa, tra frizzi e lazzi, a un certo punto la presidente del Consiglio e il ministro che fa le smorfie fanno un karaoke abbracciati e cantano un brano su una giovane che muore affogata.

Gli altri si guardano contrariati: no dai, il karaoke con la canzone sull’annegata no, c’è un limite, è una trovata veramente di bassa lega, a questa non crede nessuno, cerchiamo di non esagerare, ché poi sembra il solito film di sinistra sui politici di destra che disprezzano i migranti. Per questo, quando si guarda e riguarda il video della festa dei 50 anni di Salvini, con Meloni e il vicepremier che cantano abbracciati La canzone di Marinella, viene da pensare che è morta la satira, è morto il cinema ed è morta pure la vergogna.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.