Mappa delle primarie: è cambiato il PD

Il Fatto quotidiano di Diego Pretini  – 1 maggio 2017

Primarie Pd, la mappa del voto. L’avanzata di Renzi senza avversari: fa il pieno di preferenze dove l’affluenza crolla

Nelle Regioni rosse il segretario riconfermato sfiora e tocca anche l’80 per cento. Ma il crollo di partecipanti arriva in alcune zone anche oltre il 50 per cento. Al Nord, motore del 40 per cento delle Europee, l’ex premier è sopra la media, ma i gazebo si svuotano. La controtendenza solo dove l’alternativa è stata percepita come tale: in Puglia (dove ha vinto Emiliano) i partecipanti sono aumentati leggi tutto

Il “vecchio PD” investe su Orlando

Huffington Post Goffredo Bettini Dirigente nazionale Pd 02/05/2017

La più grande sfida di Renzi è nel post primarie

Le primarie del Pd hanno visto una netta affermazione di Renzi.

Ha prevalso in tanti elettori un sentimento di solidarietà per il segretario sotto attacco da parte di Grillo, degli scissionisti, della destra e indebolito dalla sconfitta referendaria, che ha visto, tuttavia, più dell’80% dei votanti del Pd sostenere il SÌ. leggi tutto

“Non ho le prove, ma accuso”, Magistrato irrompe nella politica

di Alessandra Ziniti  la Repubblica, 28 aprile 2017

Inedita alleanza tra gli accusatori delle Ong che salvano i profughi

 Carmelo Zuccaro, pretore a Catania, e Luigi Di Maio, grillino in cerca di voti, gareggiano per guidare il coro degli ipocriti e dei disinformati. Aspra tenzone.

ZUCCARO: “DENUNCIO, NON HO PROVE  STA AI POLITICI FERMARE IL FENOMENO”

«L’intervista. Il magistrato che conduce l’inchiesta siciliana: “Ho informazioni che non possono essere usate in un processo”» leggi tutto

Gli scafisti entrano in politica

di m.v. e a.z   la Repubblica, 28 aprile 2017

“ONG PAGATE DA SCAFISTI”, BUFERA SUL PM

«Sugli sbarchi i sospetti del procuratore di Catania: “Forse l’obiettivo è destabilizzare l’economia del nostro Paese” Interviene il governo. Orlando: parli con gli atti e le indagini. Minniti: basta generalizzazioni e i giudizi affrettati» leggi tutto

E’ l’Italietta di provincia, spazzata via dalla magistratura

di Massimo Franco –  Corriere della Sera 4 Marzo 2017

I TIMORI  DEL TUTTI CONTRO TUTTI

Non più un Pd che considera quello di Paolo Gentiloni un «governo amico». Semmai, il premier costretto in qualche modo a tenersi a distanza dal suo partito, per i lampi di instabilità che sprigiona. leggi tutto

Incarico a Gentiloni, via la Giannini

Huffington Post – Alessandro De Angelis

Ci sono due bussole che orientano la trattativa che porterà al nuovo governo di Paolo Gentiloni. La permanenza di Luca Lotti, braccio destro (e sinistro) di Matteo Renzi a palazzo Chigi. E l’ingresso formale al governo delle truppe di Denis Verdini, l’ex plenipotenziario (pluri-imputato) di Berlusconi. Con Enrico Zanetti, destinato ad ottenere un ministero (anche se non di prima fascia). E la richiesta di un secondo ministero, quello che fu della Boschi, o per Marcello Pera, già presidente del Senato di Silvio Berlusconi o per Giuliano Urbani (tra i fondatori di Forza Italia nel ’94). leggi tutto