Tra Torino e Maranello, quel che rimane dell’industria dell’auto in Italia

Dario Di Vico Corriere della Sera 14 giu 2022
Auto Elettrica, il partito della batteria viaggia tra Torino e l’Emilia

 

Il primo a mettere in evidenza il nesso tra le decisioni dell’Europarlamento sull’auto elettrica e il quadro politico italiano è stato Carlo Calenda con una serie di tweet molto polemici verso Enrico Letta e il Pd.

leggi tutto

La Germania scommette su auto elettrica e batterie

Sebastiano Canetta il manifesto 10 giugno 2022
Incentivi e innovazione, la Germania investe nella mobilità sostenibile
AUTO ELETTRICHE. Le batterie al centro dello sviluppo del governo Scholz. Mentre i colossi come Tesla, Vw, Mercedes e Bmw si fanno una concorrenza spietata. E il prezzo dell’e-car scende

leggi tutto

Fiom: Solo l’Italia non ha un piano auto sulla transizione

Massimo Franchi il manifesto 10 giugno 2022
De Palma: «Il problema non è l’Ue ma il governo: è senza piano per la transizione»
INTERVISTA AL SEGRETARIO FIOM.
Il leader dei metalmeccanici Cgil: siamo l’unico paese che non affronta il passaggio all’elettrico: da Giorgetti solo incentivi all’acquisto. Noi sindacati siamo uniti: presto un’assemblea continentale dei delegati. Siamo un sindacato ambientalista, i lavoratori sono consapevoli di essere dentro un cambio storico

leggi tutto

Auto elettrica, l’imbarazzante ministro Cingolani

Giuliano Santoro il manifesto 10 giugno 2022
Scontro nella maggioranza.
Le destre con Cingolani
L’anomalia del ministro della transizione ecologica

 

Dopo il voto del Parlamento europeo di mercoledì che ha approvato il bando per i motori a combustione delle auto a partire dal 2035 la palla passa ai ministri competenti. Si incontreranno il 28 giugno al Consiglio europeo.

leggi tutto

La globalizzazione resterà, è pericolosa l’idea dell’occidente contro tutti

Rosaria Amato Repubblica 05 GIUGNO 2022
Sachs: “Cibo, lavoro, clima: il mondo è interconnesso e non si torna indietro”

L’economista della Columbia University al Festival dell’Economia di Trento. “La guerra sta creando un solco ma non è la fine della globalizzazione. Nessuno mai coltiverà caffè a Central Park”

leggi tutto

Sanzioni burla e conversione climatica annullata dalle scelte militari

Luciana Castellina, Massimo Serafini Il manifesto 4 giugno 2022
Anche le scelte energetiche Ue vengono affidate alla Nato
Accadrà a fine giugno a Madrid. Ora la soluzione della guerra spetta solo alle armi, viste le sanzioni burla su gas e petrolio a Mosca. E la transizione ecologica può aspettare o fallire

leggi tutto

Il mazzo di carte è meno pericoloso dell’aria che galleggia

Il Post Giovedì 4 Febbraio 2021
Cosa abbiamo capito in un anno sul coronavirus e le superfici
Le ricerche dicono che il contagio attraverso gli oggetti è raro, ma suggeriscono qualche precauzione

Da circa un anno le superfici di molti uffici, negozi, locali e mezzi di trasporto pubblici vengono periodicamente sanificate con l’obiettivo di ridurre la diffusione del coronavirus e il rischio di nuovi contagi attraverso oggetti che potrebbero essere stati contaminati. leggi tutto